verifichefinanziamenti.it > Giurisprudenza > Anatocismo e usura conti correnti > LA VALUTAZIONE DELLE RIMESSE VA FATTA SUL SALDO RICALCOLATO

Pubblicato il 10 marzo 2021

LA VALUTAZIONE DELLE RIMESSE VA FATTA SUL SALDO RICALCOLATO

Cassazione I sez. n. 3858 del 15 Febbraio 2021

A cura dell’Avv.to Luigi Quintieri

Si segnala la recente ord. della Cassazione n. 3858/2021 che chiarisce ulteriormente la precedente sentenza n. 9141 del maggio 2020 in merito alla natura solutoria o ripristinatoria delle rimesse

La Suprema Corte evidenzia che, al fine di osservare se un versamento abbia avuto natura solutoria o ripristinatoria, bisogna eliminare tutti gli addebiti indebitamente effettuati dalla banca e conseguentemente, rideterminare il reale saldo del conto, principio tra l’altro già affermato dalla precedente Cass. n. 9141/2020.

Ma, sicuramente, la sezione, più interessante della presente sentenza, riguarda l’affermazione del seguente principio di diritto “Ove sia stato proprio l’addebito degli interessi, come sopra quantificati, a determinare il superamento del limite del fido, rivestirà funzione solutoria solo quella parte di rimessa pari alla differenza tra lo “scoperto” ed il limite del fido e potrà provvedersi all’imputazione del pagamento ex art. 1194 comma 2° c.c. limitatamente a questa parte. Nel caso, invece, in cui l’annotazione degli interessi avvenga su un conto che presenti un passivo che rientri nei limiti dell’affidamento e neppure la stessa annotazione determini il superamento di tale limite, la successiva rimessa avrà una mera funzione ripristinatoria della provvista e non potrà mai provvedersi ad un’imputazione ex art. 1194 comma 2° cod. civ., difettando l’indefettibile presupposto del “pagamento”.” Da ciò deriva che, non può essere mossa alcuna censura generica di prescrizione, in merito alla domanda di rettifica del conto . Visto che la valutazione delle rimesse, ai fini della loro natura solutoria o ripristinatoria, va fatta sul conto rideterminato, vagliando ogni singola rimessa in modo tale da considerare solo quegli addebiti di interessi che, a seguito del ricalcolo finalizzato ad eliminare tutti gli indebiti, risultano annotati su un conto corrente che presenti un saldo negativo che ecceda i limiti del fido. Pertanto, qualora il limite del fido sia stato, appunto, sforato da questi interessi, si potrà considerare “solutoria”, solo quella parte di rimessa pari alla differenza tra lo scoperto ed il limite del fido e potrà provvedersi, pertanto, all’imputazione del pagamento ex art. 1194 comma 2° c.c. limitatamente a questa parte.

Diversamente nel caso in cui l’addebito degli interessi passivi , sempre a seguito della ritederminazione, sia entro i limiti del fido, tale annotazione avrà natura ripristinatoria e non potrà procedersi a nessun pagamento ex art. 1194 comma II °cc.

SOFTWARE VERIFICHE CONTO CORRENTE GIORNALIERO

logo verifichefinanziamenti software conto corrente giornaliero

Ricordiamo che il nostro software VERIFICHE CONTO CORRENTE GIORNALIERO ha una sezione apposita per l’inserimento dei movimenti giornalieri del C/C all’interno del quale sarà possibile quantificare i versamenti di carattere solutorio. Inoltre nella sezione del “Riconteggio“, il software permette all’utente di decidere in che modo i versamenti di carattere solutorio  debbano impattare sul ricalcolo complessivo del saldo di conto corrente.

ESTRATTI DI CONTO CORRENTE PER DATA OPERAZIONE E VERSAMENTI DI CARATTERE SOLUTORIO

 
Inseriti i dati necessari richiesti dal software (quali data operazione, la data valuta, gli importi in dare, quelli in avere e la descrizione operazione, oltre al fido accordato quando presente), il programma restituirà per ciascun movimento il saldo contabile, l’importo della eventuale rimessa solutoria (sempre che si sia provveduto a compilare la colonna “fido accordato”), la differenza in giorni tra movimenti successivi sia per data contabile che per data valuta con la generazione dei numeri debitori entro fido ed extra fido ed i numeri creditori.
Così operando, per quanto attiene alla presenza delle eventuali rimesse a carattere solutorio (il cui criterio di quantificazione è quello indicato dalla sentenza delle S.U. della Corte di Cassazione n. 24418 del 02 dicembre 2010), queste verranno quantificate automaticamente dal software, liberando così l’Utente da un calcolo che normalmente si presenta piuttosto gravoso.

Contattaci senza impegno al numero 0824 317664

per avere maggiori informazioni

I NOSTRI SOFTWARE



Sub-domains

Your Text

Your Text

Your Text

Analisi e riconteggio conti correnti sull'elenco dei soli estratti scalari.

Analisi e riconteggio conti correnti sull'elenco dei movimenti giornalieri o sui soli estratti scalari

Analisi e riconteggio su mutui e finanziamenti a rimborso graduale. Supportati ITALIANO, FRANCESE, TEDESCO ecc..

Determina la condizione di sovraindebitamento, la soddisfazione dei creditori e formalizza la proposta.

Analisi e riconteggio mutui con il piano di ammortamento alla francese con il regime di interessi semplice e composto