verifichefinanziamenti > Giurisprudenza > CMS > CMS ED OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO – Cassazione Penale sez.II, sent. N. 12028 del 26 Marzo 2010

Pubblicato il 26 marzo 2017

CMS ED OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO – Cassazione Penale sez.II, sent. N. 12028 del 26 Marzo 2010

La commissione di massimo scoperto è strutturalmente connessa alle operazioni di finanziamento

Essendo la commissione di massimo scoperto, un costo connesso alle sole operazioni di finanziamento per le quali l’utilizzo del credito avviene in modo variabile, sul presupposto tecnico che esista “uno scoperto di conto”. Pertanto tali commissioni andranno incluse nel calcolo del TEG.

“(…) non potendesi escludere che la commissione di massimo scoperto sia una componente di onere collegato all’erogazione del credito seppure esprime un rapporto patologico del rapporto bancario (…) questo collegio ritiene che la commissione di massimo scoperto debba rientrare nel calcolo del teg in quanto trattasi di un costo indiscutibilmente collegato all’erogazione del credito, giacchè ricorrre tutte le volte in cui il cliente uilizza concretamente lo scoperto di conto corrente. (…)”

I NOSTRI SOFTWARE



Sub-domains

Your Text

Your Text

Your Text

Analisi e riconteggio conti correnti sull'elenco dei soli estratti scalari.

Analisi e riconteggio conti correnti sull'elenco dei movimenti giornalieri o sui soli estratti scalari

Analisi e riconteggio su mutui e finanziamenti a rimborso graduale. Supportati ITALIANO, FRANCESE, TEDESCO ecc..

Determina la condizione di sovraindebitamento, la soddisfazione dei creditori e formalizza la proposta.

Analisi e riconteggio mutui con il piano di ammortamento alla francese con il regime di interessi semplice e composto